Blog

L’insostenibile arretratezza delle strade Da almeno trent’anni nessuno fa il conto dei danni sociali ed economici causati a famiglie e imprese dalla politica dell’immobilità stradale.

Dove vanno tutti con questo traffico? Lavoro, figli, amici, spesa … E quando ci tocca pure all’ospedale. In provincia l’auto è vitale. Ma per andare al lavoro la mattina e tornare la sera, bisogna fare la fila sulle stesse strade del secolo scorso. Se sono poche e inadeguate, aumentano i rischi e diminuisce la sicurezza. Se il traffico è poco scorrevole e va in tilt, molto più tempo di vita si perde al volante. In altri Paesi le strade sono state riprogettate e le corsie raddoppiate, da noi invece guai…
Leggi tutto
Blog

Uccidete il comandante bianco Un mistero nella resistenza

«Sarò spiccio, per non annoiare né te né i nostri lettori. Ripensiamo per qualche istante alla guerra civile italiana tra il 1943 e il 1945. Quasi tutti ritengono che le uniche vittime, gli unici perdenti, siano stati i fascisti della Repubblica sociale e i militari tedeschi che combattevano per Hitler. Ma non è così. I padroni politici di quel conflitto, il Pci e molti dei militanti comunisti di quell’epoca, non si sono limitati a uccidere i neri. Hanno ammazzato anche bianchi e rossi. Ovvero antifascisti cattolici, sacerdoti, esponenti liberali, socialisti…
Leggi tutto
Blog

Rendiamoci conto Risultati dell'Amministrazione nel Rendiconto 2017

Le spese dell’amministrazione comunale incidono sulla vita di persone residenti a San Żvân, La Ciṡanôva, Al Bûdri, Taîval, L’Âmla, Żindrîgual, Castagnôl, Al Castlàtt, San Iâcum, Al Pûż, La Bianculéina, La Zitè, Tasinèra, San Caméll, … (toponomastica nell’idioma dell’amministrazione). Per questa ragione Sindaco e Giunta sono tenuti a giustificare ogni euro speso nell’arco di un anno. Il rendiconto è il consuntivo con cui l’amministrazione rende conto del proprio operato ai cittadini, ai loro rappresentanti in consiglio comunale e agli organi di controllo. Nel documento di più di 500 pagine di non…
Leggi tutto
Blog

Sangio non è Pechino Sintomatica la perdita di più di 2 ettari di superficie produttiva

72 anni dal secondo dopoguerra, 23 febbraio 00:12. Nell’atmosfera sinistra della grande sala su Piazza del Popolo, tutti i delegati di Impegno Comune in religioso silenzio insieme ai superstiti del PD approvano il secondo bilancio preventivo della nuova era del cambiamento. Nella democrazia socialcomunista il dissenso non è gradito. Sul fondo quasi nessuno tra il pubblico. Un voto soltanto è contrario. Partito unico della spesa corrente: ,37€ per assicurare la continuità del socialcomunismo con caratteristiche persicetane. L’impegno comune è assumere il controllo di tutte le aree del paese. Tramite il…
Leggi tutto
Blog

Va tutto ben Facciamo finta che ...

Tutto va ben, madama la marchesa, al di fuori di un piccolo problema al nostro ospedale. Fu un’eccellenza della pubblica sanità, però forse domani un mega ospizio o una clinica psichiatrica diventerà, ma a parte ciò va tutto ben! Tout va très bien, madama la marchesa, ma per la salute diconsi gratuita, ormai si paga tre volte tanto: prima l’assistenza sanitaria, poi il ticket per le analisi a tradimento e infine via lista d’attesa solo con la visita a pagamento. Va tutto ben, però forse l’attende la chiusura serale e…
Leggi tutto
Blog

Tot limits Limiti e divieti sempre più restrittivi invece di risolvere i problemi li aggravano

Che bella cosa l’area pedonale, n’aria serena dopo il gulag consumista! Pure l’aria fresca pare già sfitta ... Che bella cosa il centro chiuso e poche gnole. Ci sono voluti più di settant’anni e un piano del PD, ma finalmente sembriamo una metropoli. Quando vi capita di incontrare limiti e divieti sempre più restrittivi, senza essere a Bologna, non meravigliatevi se le auto che si riversano sulla circonvallazione intasano le strade e i parcheggi limitrofi. L’amministrazione piuttosto che affrontare il problema del traffico, ha preferito cambiare la ZTL in area…
Leggi tutto
Blog

L’invenzione cristiana della laicità Dario Antiseri

«La realtà è che con il messaggio cristiano ha fatto irruzione nella storia degli uomini l’idea che il potere politico non è il padrone della coscienza degli individui, Kaysar non è Kyrios. Con ciò il potere politico veniva desacralizzato e le richieste di Cesare sarebbero state ormai sottoposte al giudizio di legittimità di coscienze inviolabili. Non fu la Grecia a passare all’Europa i suoi dei. Il Dio delle popolazioni europee è il Dio della bibbia e del Vangelo, è il Dio giudaico-cristiano che relativizza il potere politico, e che, insieme, desacralizza…
Leggi tutto
Blog

Spendi spandi effendi Libertà di dire NO

Mercoledì 10 maggio 2017, ore 20:45. Il sindaco e la sua maggioranza approvano il rendiconto di ,15€ di spese fatte nell’ultimo anno. Ma in consiglio comunale solo io voto NO allo spendi spandi. Primo, libertà di dire NO al tassa e spendi perché con la scusa dei servizi ogni volta ti appioppano il conto salatissimo delle loro promesse. Nel tira e molla del pareggio dei conti obbligatorio per legge ma senza tetto alla spesa pubblica, niente limiti all’aumento delle tasse. Tanto il rendiconto lo paga il contribuente che deve lavorare…
Leggi tutto
Blog

Di male in peggio Per misurare le parole coi fatti basta guardare le delibere e chi le ha votate

Quando ci prendono anche solo un euro per ingrossare il bilancio comunale è sempre una decisione politica, mai solo un atto tecnico come potrebbe sembrare. Per misurare le parole coi fatti basta guardare le delibere e chi le ha votate nell’ultimo consiglio comunale. Giovedì 9 marzo, in consiglio si discute la tassa rifiuti (TARI). Propongo di sospendere sia gli accertamenti che i rincari, ma tutti i consiglieri di maggioranza approvano l’aumento spropositato della tassa sui rifiuti proposto dal Sindaco. Il sottoscritto e le altre minoranze votano contro un rincaro mai…
Leggi tutto
Blog

Coop connection Ottimo libro d’inchiesta, da adottare come libro di testo a scuola

L’ultima volta che ci siamo incrociati per lavoro pareva come sempre. È amico di lunga data, del profondo nord, uomo di parola e di esperienza internazionale, poche chiacchiere tanti fatti. Nella pausa pranzo si è sfogato. Non si capacitava del sistema cooperativo locale che, con la complicità di fondi di investimento stranieri, si era impadronito di belle aziende manifatturiere della sua città, ma oggi con l’acqua alla gola. Provo a rispondere con le parole iniziali di Antonio Amorosi sul sistema che «sa trasformare in ricchezza ogni debolezza sociale. Dove fare…
Leggi tutto